Calciatori Brutti, spostarsi in avanti per giocare a FIFA conviene

Calciatori Brutti, spostarsi in avanti per giocare a FIFA conviene
© foto di Pixabay
mercoledì 9 giugno 2021, 10:00eSports
di Matteo Mattei
fonte Facebook Calciatori Brutti
Simpatica curiosità dalla scienza quella condivisa sui canali ufficiali dalla redazione di "Calciatori Brutti".

La redazione di Calciatori Brutti, tramite il suo account Facebook condivide una teoria sulla posizione di gioco per FIFA. Secondo la loro ricerca, confermata dalla scienza, il modo migliore per vincere una partita è quello di spostarsi in avanti, ovvero staccarsi dallo schienale e avvicinare il più possibile, rimanendo sempre seduti, la fronte verso il monitor. In questo modo, riducendo la distanza tra la persona e la fonte di diffusione del match, la propensione verso la vittoria aumenta e di molto.

A sostegno di tale tesi sopra citata, Calciatori Brutti pubblica diverse ricerche in giro per il mondo che sostengono quanto appena detto. Da un articolo apparso sul Corriere della Sera, l'Università di Leeds avrebbe condotto uno studio dove si esalta il fatto che tutti i giocatori seduti in una posizione di gioco sporgente, hanno segnato e vinto molto di più rispetto ai giocatori seduti in posizione normale. Ad aiutare a vincere basta quindi mantenere la posizione avanzata per un terzo della gara e non di più. Non conta quanto tempo si passi in avanti col corpo, ma conta farla in alcune situazioni di gioco. Il perdurare di una postura avanzata può infatti creare affaticamenti alla schiena e agli occhi e una conseguente diminuzione delle prestazioni sulla performance. Tra tutti i giocatori analizzati la maggioranza compie lo spostamento in avanti in automatico e senza una predeterminazione. Solo una piccola percentuale, intorno al 10% è consapevole e padrone del proprio corpo durante le fasi di gioco, il che potrebbe creare un vantaggio competitivo. Un giocatore su tre afferma che la postura in avanti possa in qualche modo aumentare il livello di attenzione rispetto a una seduta composta e normale sinonimo invece di troppa tranquillità e minore attenzione soprattutto nei momenti cruciali della partita in corso.